PARMA

REALTA’ EMILIANA DOVE E’ NATA ASSIMPRESA

La foto dell’economia di oggi non è cambiata da 20 anni a questa parte: un’azienda ogni 10 abitanti.

Occupazione A Parma 1.800 laureati irreperibili

Quando si parla di mercato del lavoro a Parma va fatta una premessa: nel nostro territorio provinciale ci sono 93,2 imprese ogni 1000 abitanti.

Questo è uno dei dati più importanti da cui partire.
Su una popolazione di circa 445.000 abitanti le aziende attive sono oltre 41.000, una densità tra le maggiori in Europa. Detto questo, esistono profili professionali molto ricercati, altri con un minore appeal.

La relazione presentata nei giorni scorsi alla Camera di commercio offre molti spunti di riflessione.
La laurea, ad esempio, è richiesta nella maggior parte dei casi (57%) per le figure altamente specializzate, ma in misura minima per le figure impiegatizie (3% dei casi).

E’ ricercata per quasi il 12% delle assunzioni. Per i neo dottori, le assunzioni previste a Parma nel 2017 sono 4.630, di cui 260 (il 6 per cento del totale) con indirizzo non specificato.
Oltre 1.800 (40 per cento del totale) riguardano invece figure difficilmente reperibili.

I tre indirizzi più ricercati sono l’economico, l’ingegneria elettronica e informatica e il sanitario e paramedico.

Gli indirizzi più difficili da reperire sono l’ingegneria elettronica e informatica, il linguistico, il geo-biologico e biotecnologie e gli altri indirizzi di ingegneria.

Ad essere più facilmente reperibili – secondo i dati camerali – sono gli ingegneri del settore civile e ambientale.
Per quanto riguarda il diploma quinquennale, che resta ancora il titolo di studio più richiesto dalle imprese (per oltre il 30% delle assunzioni previste), mentre il diploma professionale è il terzo livello più ricercato per oltre un quarto delle assunzioni.

Il diploma di scuola superiore è un passepartout per tutti i grandi gruppi professionali: per gli impiegati (in oltre il 40% dei casi), ma anche per le figure dirigenziali o altamente specializzate (in oltre il 35% dei casi).

Anche la qualifica professionale copre tutti gli sbocchi lavorativi, in misura maggiore degli altri titoli per le figure operaie. Per il diploma quinquennale le assunzioni previste sono 13.410, di cui 4.210 (oltre il 30 per cento del totale) con indirizzo non specificato.
Oltre 2.600 (20 per cento del totale) riguardano figure difficilmente reperibili.
I tre indirizzi più ricercati sono amministrazione, meccanica, meccatronica ed energia e agrario/agroalimentare. Gli indirizzi più difficili da reperire sono l’informatico, il socio-sanitario e l’elettronio.

Lascia un commento

Cerca